TatamiDo


Vai ai contenuti

cause delle malattie

Shiatsu > diagnostica


Cause della Malattia



Nel nostro mondo spesso non c’e’ abbastanza tempo (o crediamo che non ci sia) per ricercare la causa della malattia e percio’ ci limitiamo a curare o sopprimere il sintomo. I medici raramente possono dirci quale e’ la causa del nostro disturbo, il loro compito consiste nel prescriverci un farmaco che curi/elimini il sintomo oppure ulteriori indagini diagnostiche o specialistiche.

Quando si manifestano dei sintomi e’ importante osservarli non come la causa della malattia ma semplicemente come una manifestazione della causa della malattia.
Se osserviamo delle feci molli non basta dire che e’ la Milza che non funziona. Occorre anche capire perche’ la Milza non funziona, ricercarne la causa.

Con l’aiuto degli 8 parametri si possono restringere le varie possibilita’.

Nel caso delle feci molli, ad esempio, iniziamo osservando che esiste un eccesso di liquidi, che tali liquidi non sono controllati, qualcosa puo’ aver invaso il nostro corpo, osservare da quanto tempo e’ presenza quella condizione, capire – attraverso le 5 fasi – se ci sono altri organi che opprimono l’organo di controllo dei liquidi (Milza). Tutto questo ci puo’ portare a conoscere la causa.
Dobbiamo arrivare ad informare il R. su come gestire la condizione. Non basta porre rimedio ad un sintomo, questo non significa aver aiutato l’organismo.

Tutto quello che noi facciamo ha lo scopo di ridare al corpo un certo equilibrio. Nella MTC l’equilibrio e’ il punto chiave che armonizza il ki.
Equilibrio equivale a moderazione. In presenza di un sintomo significa che nel corpo c’e’ qualcosa in piu’ oppure qualcosa che manca.
Per moderazione si intendono varie cose. Creare un giusto equilibrio tra le attivita’ svolte ed il riposo. L’alimentazione moderata. Evitare una eccessiva attivita’ sessuale (orgasmi). Riconoscere quali effetti hanno su di noi certi fattori climatici.

Gli squilibri, nel tempo, possono causare una malattia.
Gli squilibri possono essere costituiti da troppo riposo o poco esercizio fisico, troppo lavoro, troppa o poca attivita’ sessuale, l’alimentazione non bilanciata (che deve pero’ essere personalizzata, non e’ possibile generalizzare), le condizioni climatiche estreme (nelle giornate fredde e ventose – soprattutto fuori stagione - e’ necessario proteggere la testa che costituisce la parte piu’ yang del corpo e risulta particolarmente vulnerabile a tali condizioni climatiche). Una certa quantità di esercizio fisico per alcune persone puo’ costituire un eccesso, per altre invece no.

L’equilibrio, quindi, e’ molto soggettivo. Occorre valutare attentamente i propri reali bisogni.
Guardando – senza alcuno spirito critico – il modo in cui una persona si manifesta e si comporta oppure come pensa e si esprime, possiamo capire la qualita’ della sua vita, se e’ in armonia.

Per capire tutto quello che ci sta accadendo bisogna tenere presente che la MTC osserva le forme di squilibrio partendo da una suddivisione dell’esistenza in 3 periodi:
vita prenatale – vita dalla nascita ai 18 anni – vita da adulto

Inevitabilmente vi sono cose che ci caratterizzano in un certo periodo dell’esistenza. Una condizione, nel tempo, potra’ diventare una debolezza che permette a certe condizioni di penetrare nel corpo caratterizzando la nostra energia.
Consideriamo, ad esempio, una malattia che ha iniziato a manifestarsi durante i primi anni di vita. Potremmo intuire che certi fattori dietetici hanno influenzato questa persona in quanto quel tipo di malattia si riscontra quando un cibo viene somministrato al neonato irritando lo stomaco e ponendo le basi per ulteriori problemi. Lo stomaco potrebbe non riuscire e riprendersi e la persona cresce con uno stomaco debole o particolarmente sensibile. Altri problemi che insorgono magari all’eta’ di 20 anni saranno correlati con l’organo dello stomaco. Quello che e’ avvenuto nell’infanzia costituisce pertanto una sorta di impronta che caratterizza la persona e sarebbe quindi importante rintracciare il fattore che l’ha generata.

Esistono altri fattori non registrati dalla MTC, quali ad esempio le vaccinazioni le quali inducono un abbassamento del sistema immunitario.

La
nascita e’ l’interazione di due essenze (padre e madre) le quali, ovviamente, caratterizzano il feto. L’essenza viene trasmessa al feto e dipende non solo dallo stato di forma dei genitori ma anche dalle condizioni in cui e’ avvenuto il concepimento (es. rumore, ubriachezza, ecc…). Nella diagnosi e’ importante, se possibile almeno a grandi linee, conoscere la condizione dei genitori all’epoca del concepimento. Anche toccando una persona e’ possibile capire quali energie la caratterizzano (anche se e’ primogenito).

Nel
periodo successivo alla nascita, la causa piu’ frequente di malattia e’ l’alimentazione. Spesso vengono utilizzati cibi troppo ricchi per stomaci ancora deboli. I cibi solidi (+yang) dovrebbero entrare nell’alimentazione dopo i 6 mesi e le carni dopo i 12 mesi di eta’. Anticipando questo passaggio avremo un aumento nella produzione di yin (es. bevande, gelati).
L’allattamento, importantissimo, va diminuendo e viene sostituito con latte di laboratorio o latte vaccino. Questo tipo di latte risulta troppo pesante e crea un eccesso di muco. Andrebbe sostituito con latte di cereali (avena, mandorle, riso ecc…).
Anche le emozioni possono essere causa di malattia nei bambini i quali posso esternarle ma anche sopprimerle. Le emozioni protratte nel tempo possono creare un vuoto nell’organo. Alcuni problemi potrebbero quindi avere origine da una disarmonia che esisteva nell’ambiente familiare, magari da genitori che hanno preteso troppo lasciando poco spazio a quello che il bambino voleva fare. La volonta’ di un bambino e’ molto yang, non puo’ essere cancellata ma soppressa creando conflitti emotivi che logorano gli organi

Altri problemi, legati agli organi del sistema riproduttivo e sessuale, sono legati ad un eccesso di attivita’ fisica che puo’ cancellare il ciclo mestruale, caratterizzare la fisionomia della ragazza (es. peli) a causa di un eccesso di testosterone, causare difficolta’ a concepire. Queste disfunzioni non durano per sempre, nel corso degli anni da un eccesso di yang si torna gradualmente verso un moderato yin. L’eccessiva attivita’ fisica-sportiva puo’ causare problemi uro-genitali (anche nei ragazzi) mestruo doloroso (il fegato, chiamato in azione troppo precocemente, risulta carente, facile a bloccarsi, con il sangue che tende a ristagnare).

Gli esempi sopra citati hanno in comune l’esistenza di un corpo “sotto pressione” il quale, essendo ben congegnato, non puo’ accettare questo eccesso. Anche uno stile di vita troppo rapido comporta uno certo livello di stress. E’ importante comprendere che il corpo necessita’ di moderazione e che pertanto ci manifesta la divisione tra corpo e spirito attraverso sintomi di sofferenza.

La
vita da adulto costituisce un periodo abbastanza lungo. Le cause principali della malattia sono di tipo emotivo, le cose accadono continuamente senza lasciare pace all’organismo, si vive confrontandosi ininterrottamente con quello che percepiamo. Il nostro corpo reagisce a queste pressioni emotive.

Un altro fattore – recente – di malattia e’ costituito dall’inquinamento, dalle radiazioni, dai conservanti nei cibi e dalle energie derivanti da questi alimenti. Se l’ambiente esterno danneggia polmoni o fegato, anche le energie del cibo comportano una reazione (rabbia, depressione, …).

Dolori allo stomaco possono rovinare il godimento di un tramonto. Una incontinenza (non senile ma causata da eccesso di yin) puo’ compromettere i rapporti tra le persone. Una condizione fisica puo’ quindi essere peggiorata da una forte emozione e viceversa. Cosi’ come una emozione persistente puo’ rovinare la struttura di un organo, anche la struttura di un organo in declino puo’ peggiorare le emozioni.

La MTC divide le cause della malattia in:

interne
___ --> ___ emozioni
esterne
___ --> ___ condizioni climatiche
altre
_____ --> ___ costituzione, stanchezza, eccessiva attività,
___________________ dieta, trauma, epidemia, tratt. medici errati, ecc..


cause interne

Gli organi interni, quindi, ci influenzano a livello fisico, mentale ed emotivo.
Il
Ki degli organi e’ il comune denominatore che, trasformandosi e trasmutandosi, da vita a tutte queste manifestazioni. Sia la mente che il corpo costituiscono le parti di un insieme che non si ferma mai.
Se osserviamo i Reni, a livello anatomico ci soffermiamo su quello che fanno, sulla loro attivita’. Attraverso la MTC vediamo altresi’ che i Reni assistono le funzioni del cervello, sostengono il pensare e che, ad un livello piu’ emotivo, sono collegati alla paura.
Quando osserviamo quello che avviene in una persona e ci accorgiamo che esiste una emozione predominante come, ad esempio, la paura, comprendiamo che i Reni a livello anatomico sono molto carenti, che non possono sostenere adeguatamente il cervello e che (a livello mentale) non stanno sostenendo il pensiero.
Non e’ necessario osservare tutte le funzioni dell’organo per comprenderne lo stato di salute. Basta sapere che una delle funzione ricoperte (o attraverso le quali si manifesta) e’ squilibrata per capire che anche tutto il resto non funziona come si deve. Nella medicina ufficiale, invece, la persona viene scomposta e i problemi vengono affrontati separatamente.
Sempre nel caso dei Reni, potremmo chiedere se riesce a pensare in maniera chiara e fluida, se ci sono dolori lombari oppure una eccessiva orinazione. All’incontro successivo potremo chiedere se quelle attivita’ sono leggermente migliorate. Ogni sintomo riferito ad un organo ne rappresenta anche la sua armonia. Ciascun sintomo sta a significare una moltitudine di cose che fanno riferimento all’organo.

Le emozioni sono estremamente importanti. Tutti gli esseri umani sono affetti da emozioni le quali, nel tempo, diventano la causa principale della malattia.

Le emozioni sono
rabbia – eccesso di gioia – eccessivo pensare (preoccupazioni) – tristezza (malinconia) – paura – shock

La
rabbia fa salire il ki ed influenza il Fegato, lo surriscalda ed il calore sale verso l’alto.
[la Cistifellea e’ un organo di riflesso del Fegato, il calcolo testimonia un abuso di quest’ultimo]
La
gioia rallenta il ki ed influenza il Cuore.
L’
eccessivo pensare annoda il ki ed influenza Milza e Polmoni, questi ultimi come conseguenza della Milza che non aiuta a processare il muco.
La
tristezza opprime il ki ed influenza i Polmoni
La
paura fa discendere il ki ed influenza i Reni.
Lo
shock disperde il ki.

Quando le emozioni si protraggono per molto tempo, creano un eccesso di calore.

Quando una condizione crea un eccesso di calore e viene ignorata, non rimane per sempre una condizione Yang ma si trasforma in una condizione Yin cronica (es. tumore, inizialmente non si trattava di un ristagno di liquido ma vi era una condizione di calore quindi un eccesso di yang che, protrattosi nel tempo, ha iniziato ad asciugare i fluidi).
Una lingua con la punta rossa e gonfia o tutta di un colore rosso scuro, rappresenta calore nel corpo.


cause esterne

Per quanto riguarda le cause esterne – condizioni climatiche – si fa riferimento alle 6 energie/eccessi.


altre cause

La
costituzione dipende principalmente dalla solidita’ dei nostri genitori in particolare al momento del concepimento. In quel momento il feto e’ nutrito dal ki prenatale il quale determina la costituzione individuale di ogni essere.
Tale costituzione non puo’ essere cambiata e pur non essendo fissa o immutabile, e’ possibile soltanto aggiungere qualcosa senza cambiarla sostanzialmente (gli sportivi agonisti non hanno costruito da soli le proprie performance, esse sono anche il risultato di una buona costituzione).
La respirazione aiuta a rafforzare il ki. Un ki ben inspirato puo’ aiutare la costituzione.

Nel nostro corpo esiste anche l’essenza che ci sostiene attraverso cicli di vita i quali durano nelle donne 8 anni mentre negli uomini 7 anni.

Ad ogni ciclo l’essenza che ci sostiene cambia mentre il ki deve essere rinnovato quotidianamente.

Osservando la costituzione di una persona cerchiamo di conoscere la salute dei genitori in generale, al tempo del concepimento, la dieta della madre durante la gravidanza, l’eta’ della madre al concepimento, se i genitori (in particolare la madre) fumavano e/o bevevano alcol, se la madre ha sofferto di shock o traumi durante la gravidanza.
Le orecchie rappresentano la nostra costituzione, in particolare il lobo.
Capire la costituzione del Ricevente ci consente di sapere a che velocita’ le cose cambieranno. Se la persona ha una condizione cronica e necessita’ di recuperare, in base alla costituzione possiamo sapere il tipo di sforzo che il suo corpo dovra’ fare per ritornare nella norma.
Di fronte ad una costituzione povera non dobbiamo aspettarci dei grandi cambiamenti in poco tempo. Il processo sara’ molto lento e graduale.

L’
eccesso di attivita’ fisica, gli sforzi e piu’ in generale gli impegni eccessivi in certe attivita’, possono essere causa di malattia per cui, per ogni eccesso di attivita’, deve essere osservato un adeguato riposo. Non sempre pero’ e’ possibile raccomandare alle persone di rallentare i propri ritmi di vita.
L’attivita’ fisica eccessiva influisce direttamente sul ki il quale non viene immagazzinato ma costruito e, contrariamente all’essenza, ricaricato quotidianamente.
L’eccesso di attivita’ fisica, protratto nel tempo, influenza l’essenza causando un invecchiamento precoce e la riduzione di certe funzioni fisiologiche.
Se lavoriamo molto occorre cercare il riposo per rimpiazzare il ki nonche’ alimentarsi adeguatamente. Lo Stomaco e la Milza sono grandi produttori di ki attraverso l’alimentazione.
Se stiamo trattando una patologia e’ necessario sapere che tipo di “combustibile” viene utilizzato dalla persona, se e’ sufficiente per le attivita’ che svolge. L’alimento migliore per chi svolge molta attivita’ (ma anche per gli altri) e’ costituito dai carboidrati.
Se non si riesce a fornire ki in quantita’ sufficiente a coprire le attivita’ svolte, viene intaccata l’essenza. L’essenza non puo’ essere ricostituita nemmeno con il riposo.
Vi sono anche sforzi mentali eccessivi, continui e stressanti, tipici della nostra epoca.
Le motivazioni possono essere ricondotte a poverta’, ambizione, desiderio di potere, poca conoscenza di se stessi.
Se il genitore e’ soggetto a queste motivazioni anche i figli ne risentono. Per i figli, ad esempio, puo’ essere una vera tortura mentale l’imposizione di una certo indirizzo di studio cosi’ come gli incitamenti a studiare in maniera eccessiva.
Anche in queste circostanze ne consegue un calo dell’essenza la quale viene intaccata e non puo’ piu’ essere recuperata.
E’ importante non imporre al bambino (3-6 anni) uno sviluppo troppo precoce, favorire le attivita’ di gioco e l’interazione con altri bambini rispetto ad altre attivita’ ancora troppo impegnative.
Spesso si tende ad anticipare queste attivita’ come conseguenza della paura che, in un mondo dominato dalla velocita’, non ci sara’ posto per i nostri figli (es. nel mondo del lavoro). In questo modo trasferiamo la paura ai bambini.
L’eccessivo lavoro fisico puo’ portare ad un ristagno in alcuni organi. Anche lavori ripetitivi possono provocare dolori nella zona lombare (in questo caso la condizione e’ difficile da curare proprio per la continua ripetitivita’ del fattore che l’ha creata).
Sia il lavoro mentale che quello fisico, se c’e’ sofferenza nella persona, portano alla divisione tra corpo e spirito per cui possono insorgere malattie legate all’uno o all’altro.
Nella nostra epoca e’ facile riscontrare un eccesso di attivita’ fisica svolta nelle palestre la quale, portata all’eccesso, esaurisce il ki. Se queste attivita’ fisiche, soprattutto agonistiche, vengono iniziate nel periodo dell’adolescenza, risultano ancora piu’ dannose.
Anche la mancanza di esercizio e’ causa di malattia, per cui e’ importante camminare e praticare ginnastiche dolci come il tajchi.

L’
eccessiva attivita’ sessuale – eiaculazioni/orgasmi – deteriora la salute, crea un vuoto (soprattutto negli uomini). Rapporti sessuali che non culminano con l’eiaculazione/orgasmi non sono considerati dannosi in quanto non esauriscono l’essenza.
Durante i periodi di calo energetico si riscontra anche un calo del ki difensivo e pertanto la persona risulta vulnerabile ai fattori esterni. E’ meglio accumulare la propria essenza e disperderla saltuariamente cosi’ da non danneggiare l’equilibrio energetico.
Quello che e’ normale o eccessivo dipende dalla costituzione e dalla forza dell’essenza, quello che risulta eccessivo per una persona che ha i Reni deboli potrebbe essere normale per altri.
In linea generale possiamo comunque dire che si tratta di un eccesso se dopo un orgasmo si riscontra stanchezza generale, vertigini, visione offuscata, dolori nella bassa schiena, debolezza degli arti inferiori, frequenti orinazioni.
L’attivita’ sessuale deve essere adeguata in base all’eta’, alle condizioni fisiche, alle stagioni.
Vi sono stagioni durante le quali l’essenza viene immagazzinata – autunno e inverno – ed altre in cui e’ piu’ facile disperderla come la primavera e l’estate.
In presenza di problemi sessuali quali impotenza, eiaculazione precoce, difficolta’ ad eiaculare, e’ necessario diminuire la frequenza dei rapporti.
Negli uomini l’energia sessuale e’ collegata maggiormente ai Reni mentre nelle donne al Sangue.
Nelle donne l’orgasmo ha una diretta relazione con l’utero il quale a sua volta ha una diretta relazione con i Reni. Anche nelle donne, quindi, una certa frequenza di orgasmi indebolira’ i Reni e in particolare la loro struttura.
La completa mancanza di desiderio sessuale e’ anch’essa una causa di malattia.
E’ possibile raccomandare un rapporto “pulito”, ovvero un rapporto in cui tutti gli organi partecipano e non solo il Fegato.

L’
alimentazione e’ la piu’ importante causa di malattie.
Negli ultimi tempi sono sorte nuove idee in materia di alimentazione e nuove conoscenze che pero’ non servono realmente a capire le cause dei problemi. Supplementi di vitamine e minerali sono considerati benefici senza alcuna discriminazione (un eccesso di ferro comporta un abbassamento di altri minerali).
Inoltre, nuovi metodi di agricoltura sono indirizzati all’uso sempre piu’ massiccio di sostanze chimiche. Le modalita’ di produzione del cibo ci possono influenzare.
Anche le abitudini dietetiche, la mancanza di equilibrio nonche’ il loro aspetto qualitativo e quantitativo, sono responsabili della nostra salute. Esistono molte diete quasi sempre troppo rigide e paragonabili ad una malnutrizione.
Molte persone si ammalano in seguito ad una dieta alimentare. Il peso che scende faticosamente, evidenzia l’insorgere di una disarmonia ed in particolare una Milza indebolita, che ristagna e non controlla piu’ i fluidi (la persona tende ad ingrassare). Diminuire il cibo per dimagrire indebolisce gli organi responsabili del controllo dei fluidi e pertanto il corpo tendera’ a gonfiarsi.
Anche la sovralimentazione e’ molto pericolosa e crea problemi a Stomaco, Milza e Cuore.
I cibi sono eccessivamente Yin il quale e’ quasi sempre responsabile delle condizioni tipiche della nostra epoca. I nostri cibi tendono ad intaccare la Milza dalla quale dipendono il sistema linfatico, immunitario, difensivo.
Durante i pasti, inoltre, le persone discutono, ascoltano la televisione, si affliggono ….

Per quanto riguarda gli effetti collaterali dei
farmaci possiamo farcene un’idea leggendo le istruzioni che accompagnano i prodotti farmaceutici.

I
traumi fisici che abbiamo subito non vengono lasciati alle spalle ma ci vengono riproposti in vari periodi anche stagionali. Possono essere un buon punto di riferimento per capire se il nostro benessere fisico sta peggiorando o migliorando (un menisco che riprende a far male puo’ indicare un aumento dell’umidita’ all’interno dell’organismo e quindi una sofferenza di certi organi).

E’ fondamentale una accurata - e non generica - anamnesi del Ricevente.

HOME | Arti Marziali | pubblicazioni | Shiatsu | varie | altro | Blog ! | contatti | Mappa del sito


Menu di sezione:

Cerca

Torna ai contenuti | Torna al menu