TatamiDo


Vai ai contenuti

gli 8 parametri

Shiatsu > diagnostica


gli 8 Parametri



Immaginiamo di visitare una mostra dove ci sono 2 quadri famosi che pero’ non abbiamo mai visto, osserviamo da lontano i colori dominanti, in uno predomina il verde di un paesaggio montano mentre nell’altro l’azzurro del mare, solo avvicinandoci possiamo osservare anche i particolari ma gia’ da lontano potevamo avere una idea di quello che rappresentavano.

Gli
“8 parametri” fanno la stessa cosa per quanto riguarda la malattia, sono dei modi (abbastanza grossolani) per riuscire a spiegare come si comporta la malattia e che tipo di malattia ha invaso il corpo. Sono comunque utili per indicare un percorso da seguire durante il trattamento.

Con i sintomi descritti dipingiamo il quadro generale della persona utilizzando gli 8 parametri.

Gli
8 parametri sono costituiti da 4 paia di polarità:

esterno – interno ____ classificano l’intensita’ della malattia

pieno – vuoto _______ classificano la forza (da non confondere con kio/jitsu)

caldo – freddo _______ classificano la natura della malattia

yin – yang ___________ riflettono le condizioni generali del corpo

La malattia ha un suo percorso e cambia continuamente percio’ gli 8 parametri non devono essere considerati in maniera rigida. Occorre comprendere l’evoluzione della malattia.

I parametri possono anche coesistere tra loro (es. caldo e freddo insieme).


Interno – Esterno

Classifica l’intensita’ della malattia e delinea dove si trova (se in superficie o internamente al corpo).

Se un’energia
ci attacca dall’esterno la prima cosa che influenza e’ la parte esterna del corpo (pelle, polmoni). Se pero’ questa energia e’ molto intensa, il nostro ki difensivo non riesce a tenerla fuori dall’organismo o ad espellerla e pertanto penetra internamente.
Ecco perche’ questo parametro indica l’intensita’ della malattia. Una energia intensa non si ferma all’esterno ma trova un varco nel ki difensivo e va ad interessare gli organo interni.

Una malattia puo’ anche essere interna in quanto
si e’ sviluppata all’interno del nostro corpo, magari a causa del tipo di alimentazione (es. troppo fredda) non in accordo con la stagione o dello stile di vita.

I sintomi dovuti a cause esterne possono essere raffreddore, mal di testa, tosse, febbre (un modo per espellere con il sudore l’energia che ci ha invaso).

I sintomi dovuti a cause interne si differenziano in quanto si tratta di energie che coinvolgono gli organi interni. Alcuni sintomi potrebbero essere febbre leggera ma ricorrente (quindi cronica), nausea, vomito, irritabilita’ continua.

Osservare i sintomi e’ un modo per sapere se l’energia che ci ha invaso e’ esterna o interna.
Si possono osservare le feci ma anche l’ambiente, se siamo in inverno e siamo invasi dal freddo e’ verosimile che si tratti di una energia esterna mentre se siamo in estate e’ probabile che l’energia sia nata dall’interno. Anche l’orario in cui si presenta il sintomo e’ indicativo.


Pieno – Vuoto

Indica la forza della malattia, il suo potenziale energetico ovvero se si tratta di una malattia forte, piena, violenta che riempie il nostro corpo di energia in eccesso oppure se lo svuota, rendendolo debole e spento.
La mancanza di equilibrio tra yin e yang puo’ essere causata da troppa energia o da mancanza di energia, come un bicchiere pieno per meta’ – in equilibrio – al quale viene a mancare tale equilibrio perche’ ci piove dentro o perche’ e’ stato acceso il riscaldamento che ne ha prosciugato una parte.

La presenza di
pieno indica una forza eccessiva del fattore invadente.
Il nostro ki aumenta ma si tratta di un ki che non circola in maniera adeguata. Le funzioni del corpo diventano iperattive (es. metabolismo accellerato), avremo un accumulo di sostanze (es. ki e sangue).
I sintomi di pieno sono caratterizzati da movimenti forti e decisi, voce forte, respirazione pesante, dolori di tipo acuto (spesso nel petto o nell’addome) aggravati da una eventuale pressione esercitata.

Il
vuoto indica una carenza del corpo, il ki e’ debole ed esiste una carenza di Yin o Yang.
Il vuoto solitamente e’ causato da una disarmonia interna (es. insufficienza di qualita’/quantita’ di sangue, ki, liquidi, ecc..) , i movimenti sono fragili, deboli, tranquilli, la respirazione e’ superficiale, il colore tende al pallido, voce bassa e debole, incontinenza urinaria, dolori di tipo cronico attenuati dalla pressione (essendoci un vuoto e’ come riempire, dare quello che manca).
Un esempio di vuoto del sangue e’ la cirrosi epatica, manca la funzione del Fegato ed il suo yin.

Un pieno del sangue potrebbe essere l’ipertensione.


Caldo – Freddo

Indicano la natura della malattia, se questa e’
ipoattiva o iperattiva.

I sintomi di caldo si manifestano quando siamo stati invasi dal calore oppure quando lo Yin si e’ prosciugato lasciando come sintomo un eccesso di calore.
L’eccesso di calore indica una iperattivita’ del corpo quindi movimenti agitati, febbre alta, irritabilita’, costipazione, urina scura, prosciugamento dei liquidi (es. secchezza di lingua, feci, pelle). Il caldo puo’ anche causare un travaso di sangue facendolo sobbollire.

Il freddo si avra’ quando lo Yin e’ in eccesso (invasione di freddo) oppure per carenza di Yang.
Con il freddo avremo sintomi quali movimenti lenti, viso pallido, membra fredde, feci acquose, dolori intensi e fissi nel corpo (crampi, spasmi), secrezioni bianche-pallide. Anche con il freddo potremo avere un travaso di sangue.


Yin – Yang

Raccordano tutti gli altri parametri indicando la condizione del corpo.

Avremo Yang in presenza dei sintomi di
esterno, caldo e pieno mentre la condizione sara’ Yin quando si avranno sintomi interni, freddi e vuoti.

Ricordiamo che lo Yin e lo Yang non esistono separatamente. Una malattia puo’ essere Yang ma avra’ sicuramente anche dei componenti Yin. Bisogna osservare i sintomi predominanti.

HOME | Arti Marziali | pubblicazioni | Shiatsu | varie | altro | Blog ! | contatti | Mappa del sito

Cerca

Torna ai contenuti | Torna al menu