TatamiDo


Vai ai contenuti

manipolazione dei polmoni

Shiatsu > manipolazioni


P O L M O N I



Per aiutare i Polmoni si possono anche utilizzare varie “tecniche” di manipolazione indiretta, non sempre tutte applicabili.


Il Polmone destro ha 3 lobi mentre quello sinistro solo due in quanto esiste uno spazio (mediastino) dove e’ collocato il Cuore.
Gli organi scivolano uno contro l’altro grazie alla pleura che copre tutte le strutture prendendone il nome (es. pleura costale, diaframmale, del mediastino ecc..).
Anche i lobi sono divisi dalla pleura.
All’interno della pleura scorre un liquido sieroso che ne permette lo scorrimento.
[ Nella colonna vertebrale conosciamo fenomeni come ad esempio la scoliosi, nella quale le vertebre si muovono verso il fianco perdendo la loro perpendicolarita’. In MTC ogni spazio fa riferimento ad un organo. La parte alta e’ quella strutturalmente piu’ debole ed interessa Polmoni e Cuore. Poiche’ gli spostamenti della parte bassa sono piu’ difficili, se l’organo corrispondente e’ debole non avremo scoliosi ma delle ernie discali. E’ quindi molto importante osservare attentamente la conformazione della schiena. ]
La pleura delle coste non e’ mobile ma fissa, vi aderisce.
Nelle persone che respirano in maniera inadeguata gli spazi intercostali non sono adeguati.
Manipolare le coste e’ un modo per arrivare alla pleura dei Polmoni attraverso quella delle coste.
E’ fondamentale imparare a respirare con l’hara. Se non viene usata il percorso e’ minimo e viene meno l’azione di riflesso sui Polmoni attraverso il diaframma.
Anche sopra il diaframma c’e’ una pleura che interagisce con la parte inferiore dei Polmoni.
Attraverso il diaframma passano l’aorta che scende, l’esofago verso lo Stomaco e la vena cava inferiore che sale portando il sangue al Cuore. Il movimento del diaframma durante la respirazione aiuta l’esofago ed anche il flusso venoso (meno importante il flusso arterioso dell’aorta essendo soggetto anche alla forza di gravita’), e’ un movimento di massaggio importantissimo.
I legamenti che sostengono il Cuore/Pericardio si intersecano con quelli che sostengono il Polmone.
Questa vicinanza rende ciascuno di questi organi sensibile alla disarmonia dell’altro (ricordare che il Cuore governa il sangue con l’ausilio dei Polmoni).
I legamenti che sostengono il diaframma sono molto duri e si attaccano anche ai Reni.
I Polmoni sono sostenuti da legamenti che li connettono alla clavicola ed alla 7^ vertebra cervicale.
Il punto 2 del canale dei Polmoni è un punto di attacco di questi tendini che sostengono la pleura dei Polmoni.
Con le manipolazioni polmonari si agisce quindi sulle condizioni di pleura (che riveste i polmoni e la cavità toracica) e di diaframma.
Se tratto pleura e diaframma, indirettamente risano le condizioni di tutti gli organi che vi stanno a contatto. Il trattamento shiatsu aumenta di efficacia.


manipolazioni


- P O L M O N I -


- pressioni palmari sulla gabbia toracica
- flettere le coste all’altezza della 10^ e rilasciare di colpo
- fare resistenza nella parte alta dell’hara, ripetere nella parte centrale e poi in quella bassa
- braccia del R nella “posizione del Cuore”
- stando sul fianco del R bloccare con una mano il gomito e con l’altra la cassa toracica lungo la linea sagittale, all’altezza della 9^/10^ costa à stiramento (della pleura)
- mano sotto la prima vertebra toracica
- palmo sopra P2
- alzare delicatamente la testa e la parte alta della schiena (in questo modo vengono stirati i tendini che sostengono i polmoni)
- ripetere con il palmo che blocca il mediastino (altezza cuore)
- trattare (abbastanza velocemente) tutti gli spazi intercostali a sx e a dx dello sterno (come Reni)
- ripetere con i pollici distanziati di 1 cun per altre 3 volte
- ripetere tutti i 4 tratti ma coprendo i punti orizzontalmente
- respirazione del R nel petto, nostre mani sopra il torace che seguono la respirazione
- fermare con le mani l’espansione della gabbia toracica e chiedere di inspirare profondamente
- attendere il massimo punto di inspirazione e rilasciare improvvisamente la gabbia toracica senza staccare le mani
- accompagnare con le mani l’espirazione
- una mano sotto la colonna vertebrale del R e l’altra sopra l’epigastrio all’altezza del diaframma (sotto il processo xifoideo)
- chiedere al R di riempire l’area e di trattenere il respiro
- con la mano spingere piu’ volte il diaframma verso il basso, movimento a stantuffo (si crea una pressione che spinge verso l’alto il diaframma ed espande l’hara)
- da dietro il R seduto a gambe incrociate in posizione di cifosi, entrare con mignolo e anulare sotto le coste (nel diaframma) e massaggiare avanti e indietro
- R nella stessa posizione ma con le mani dietro la nuca
- seduti dietro il R infilare le mani nei triangoli formati dalle sue braccia e poi passarle dietro alla sua schiena (zona lombare) per poi appoggiarle sulle ns. cosce
- tirasi all’indietro insieme al R e sdraiarsi (in questo modo si stira pleura e diaframma)


HOME | Arti Marziali | pubblicazioni | Shiatsu | varie | altro | Blog ! | contatti | Mappa del sito

Cerca

Torna ai contenuti | Torna al menu